Aiga. Associazione Italiana Giovani Avvocati

STANZIATI 8 MILIONI PER I TIROCINI NEGLI UFFICI GIUDIZIARI AIGA: «UN BUON INIZIO E UN GIUSTO RICONOSCIMENTO, ORA REGOLAMENTARE I COLLABORATORI DI STUDIO»

COMUNICATO STAMPA

 

Venerdìscorso la firma del ministro Orlando al decreto che stanzia una quota del Fondounico giustizia
per finanziare borse a favore di giovani laureati che scelgono un percorso di18 mesi in Tribunale

STANZIATI 8 MILIONI PER I TIROCINI NEGLIUFFICI GIUDIZIARI
AIGA: «UN BUON INIZIO E UN GIUSTO RICONOSCIMENTO,
ORA REGOLAMENTARE I COLLABORATORI DI STUDIO»

Lapresidente dei giovani avvocati italiani Nicoletta Giorgi: «Così si riconosceil valore del lavoro
di un giovane giurista; adesso va normata la collaborazione all’interno deglistudi»

 

(Roma,26/05/2015) Fino a 8 milioni di euro per l’anno 2015: è la sommastanziata dal Ministero della Giustizia per le borse di studio ai giovanilaureati che svolgono tirocinio presso gli uffici giudiziari.Il ministro Orlando ha infatti firmato il 22 maggio scorso il decretointerministeriale di attuazione dell'articolo 73 commi 8 bis e 8 ter deldecreto-legge 21 giugno 2013, 69, convertito con modificazioni, dalla legge 9agosto 2013, n. 98

 

«Otto milionidi euro del Fondo unico giustizia per pagare i tirocini presso gli ufficigiudiziari: è un buon inizio e un incoraggiamento al riconoscimentodel valore del lavoro di un giovane giurista – commenta la presidentedell'Associazione italiana giovani avvocati (Aiga) Nicoletta Giorgi –.Finalmente, una volta terminati gli studi di giurisprudenza, sarà possibilescegliere oltre alla “classica” pratica all’interno di uno studio legale anchequella all’interno di un ufficio giudiziario beneficiando altresì di una borsadi studio che fa assomigliare il tirocinio, che sarà di 18 mesi, ad uno stagevero e proprio, come quelli già esistenti in Germania, Francia, Nord Europa».

 

È pur vero chei tirocini del d.l. 21 luglio 2013, n. 69 sono per lo più strutturati per chivuole poi accedere all’esame di magistratura, ma «anche per chi vogliaintraprendere la professione di avvocato – continua la presidente di Aiga –l’esperienza dell’Ufficio giudiziario può essere un grande contributo culturalea doppio senso. Infatti da un lato il magistrato comprenderà meglio lavalenza del professionista con cui ha collaborato e il professionista saràpiù che mai consapevole delle dinamiche della funzione giurisdizionale, avendocontribuito alla stessa».

 

Non èsecondario il riconoscimentodel proprio impegno attraverso un contributo economico.  «Auspichiamo che venga validamente edefficacemente disegnata la struttura dell’ufficio del processo, perché moltopuò dare nella riforma del sistema giustizia, e che sulla scia della regolamentazionedel tirocinio negli uffici giudiziari si arrivi anche alla regolamentazionedella collaborazione all’interno degli studi». A questo proposito, varicordato l'impegno di Aiga al fianco degli avvocati collaboratori di studio:una recente indagine dell'Associazione svela che, in 4 casi su 5, il rapportotra il collaboratore fisso e lo studio per il quale lavora non è normato daalcun tipo di contratto (79,7% dei casi), un dato che sembra confliggerecon la presenza di una corresponsione di compenso che, sia fissa (49,4%) ovariabile (27%) caratterizza oltre il 76% dei rapporti di collaborazione presiin esami.

Luogo:

Organizzatore:

Realizzato con la collaborazione di Aiga

Documentazione allegata

Il presidente

MICHELE VAIRA

iscritto alla Sezione Aiga di Foggia, è stato eletto Presidente nazionale al Congresso di Padova il 25 ottobre 2015.

Scrivi al presidenteScrivi al presidente icona

In EvidenzaIn evidenza

In Evidenza

Archivio »

Convenzione AIGA - ASSITECA Principe PCT Compensi professionali forensi

AIGA - via Tacito 50 - 00193 ROMA Tel: 06.6832427 - Fax: 06.97252204 - mail: info@aiga.it
Partita IVA: 97213330588 - Tutti i Diritti Riservati

Web design by e-project